COMUNICAZIONI FIBRA OTTICA

Home » Rete Fissa » COMUNICAZIONI FIBRA OTTICA

COMUNICAZIONI FIBRA OTTICA

Posted on

Le fibre ottiche sono filamenti di materiali vetrosi o polimerici, realizzati in modo da poter condurre al loro interno la luce e che trovano importanti applicazioni in telecomunicazioni, diagnostica medica e illuminotecnica.

Le fibre ottiche permettono di convogliare e guidare al loro interno un campo elettromagnetico di frequenza sufficientemente alta con perdite estremamente limitate. Vengono comunemente impiegate nelle telecomunicazioni come mezzo trasmissivo di segnali ottici anche su grandi distanze ovvero su rete di trasporto e nella fornitura di accessi di rete a larga banda cablata.

Disponibili sotto forma di cavi, sono flessibili, immuni ai disturbi elettrici ed alle condizioni atmosferiche più estreme, e poco sensibili a variazioni di temperatura.

Un cavo di fibra ottica contiene più fibre ottiche e solitamente è molto più piccolo e leggero di un cavo coassiale con simili capacità di canale. È più facile da maneggiare e da installare. Il cavo in fibra ottica è ideale per le comunicazioni sicure in quanto è molto difficile da intercettare e altrettanto facile da monitorare.

In telecomunicazioni con il termine comunicazioni in fibra ottica si designa una parte delle comunicazioni ottiche ovvero l’insieme delle tecniche finalizzate a trasmettere informazione da un luogo ad un altro attraverso la propagazione di segnali ottici in una fibra ottica come mezzo trasmissivo: la luce forma una portante elettromagnetica che viene modulata per trasportare informazione. Esse appartengono dunque alle comunicazioni ottiche.

I sistemi di comunicazione in fibra ottica hanno rivoluzionato l’industria delle telecomunicazioni ed hanno giocato un ruolo fondamentale nell’avvento dell’Era dell’informazione divenendo un elemento fondamentale delle cosiddette reti di trasporto dell’informazione.

In generale comunicare tramite fibra ottica richiede essenzialmente 3 passaggi:

  • Creare il segnale ottico usando un trasmettitore
  • Trasmettere il segnale in fibra, assicurandosi che non diventi troppo debole o troppo distorto
  • Ricevere il segnale ottico e convertirlo in un segnale elettrico

La scelta fra trasmissioni ottiche ed elettriche per un determinato tipo di sistema si basa su diversi compromessi. La fibra ottica è in generale preferita per sistemi a banda più elevata o per distanze superiori a quelle che possono garantire i sistemi elettrici. I maggiori vantaggi della fibra sono le sue perdite eccezionalmente limitate, che consentono lunghe distanze tra amplificatori, e la sua intrinseca capacità di trasportare grandi quantità di informazione.

In alcune situazioni, la fibra può anche essere usata su brevi distanze e dove sia richiesta poca banda; infatti la fibra presenta numerosi vantaggi tra cui:

  • Immunità alle interferenze elettromagnetiche
  • Alta resistenza elettrica che la rende sicura da usare vicino a strumenti ad alto voltaggio o tra aree in cui il riferimento di terra è diverso
  • Maggiore sicurezza: non produce scintille, caratteristica importante in ambienti infiammabili o ricchi di gas esplosivi
  • Maggiore leggerezza, utile ad esempio negli aeroplani
  • Assenza di radiazione elettromagnetica e quasi impossibilità di intercettare il segnale senza distruggerlo, importante in ambienti ad alta riservatezza
  • Cavi molto più piccoli e quindi adatti a spazi ridotti

Come lo è già da tempo per la rete di trasporto, anche per la rete di accesso è prevista una trasformazione completa in rete ottica nel prossimo o immediato futuro aumentando le prestazioni in termini di velocità di trasmissione e i servizi offerti all’utente finale con banda ultralarga.